L’archivio Marazzani Visconti Terzi

L’archivio Marazzani Visconti Terzi consta di 108 pezzi tra cassette, buste e registri, e di ventidue tra mappe e disegni. Copre un arco cronologico dal XIII al XX secolo.

Si è esaminato il fondo e si sono studiati gli strumenti di ricerca esistenti, verificando se questi fossero ancora validi ed integrandoli o correggendoli dove necessario.

Nel fare ciò, si è riscontrato che molte cassette avevano all’interno un elenco non solo dei fascicoli, ma anche dei documenti presenti, per cui si è provveduto a verificare la corrispondenza tra tali elenchi e la situazione attuale e a ricollocare, dove e quando possibile, i documenti fuori posto. Si è provveduto anche ad evidenziare i documenti non reperiti.

La consultazione del fondo è resa più agevole anche dalla possibilità di esaminare un repertorio alfabetico per tipologia di atto del XIX secolo, anche se si tratta di un elenco in diverse parti lacunoso.

Dopo aver provveduto, ove necessario, alla cartellinatura dei pezzi, si è prodotto un elenco di consistenza del fondo, menzionando anche le mappe confluite nel fondo “Mappe e disegni” dell’Archivio di Stato di Piacenza relative alla famiglia Marazzani Visconti Terzi.

Il fondo, che presenta una notevole continuità da un punto di vista cronologico, contiene pezzi di grande pregio. Si pone in risalto il notevole interesse archivistico e storico del fondo, per la ricca dotazione di pergamene, sigilli, inventari, carteggi, genealogie, processi, documenti di interesse per la storia agraria. Sono altresì da segnalare uno straordinario Instromento dotale con miniature del 1744, un cabreo del 1826, mappe e disegni rimasti dalla estrapolazione e collocazione nel fondo Mappe e Disegni dell’Archivio di Stato e il “Parere del giureconsulto dottor Marcello Marazzani….” stampato a Piacenza nel 1569.

Viene sottolineata l’importanza codicologica di alcuni reperti, come la pergamena non del tutto raschiata sul lato-pelo e l’abrasione della carta data dall’inchiostro in alcuni documenti.